28 March 2024 - 28 June 2024

Antiquarium

Dal Lunedi al Sabato
Dalle ore 9 alle ore 13
Chiuso nei giorni festivi
 

Una selezione di opere a cura di Carlo Gasparri per far conoscere il lavoro di studio e valorizzazione della più importante collezione di arte antica al mondo, realizzata dai Laboratori Torlonia con il supporto di Bulgari e condividere una riflessione sulla conservazione contemporanea dei marmi antichi.
 
Dal 28 marzo al 28 giugno 2024 la Fondazione Torlonia celebra i primi 10 anni di attività aprendo l’Antiquarium, uno spazio all’interno delle Scuderie di Villa Albani Torlonia, che per l’occasione accoglie la mostra, a cura di Carlo Gasparri, di un gruppo di sculture della collezione recentemente restaurate nei Laboratori Torlonia che, grazie al supporto di Bulgari e l’affiancamento della Soprintendenza Speciale di Roma, da anni operano per studiare, restaurare e valorizzare lo straordinario patrimonio della collezione privata di arte antica più importante al mondo.
 
Il professore emerito dell'Università Federico II di Napoli e Accademico dei Lincei ha scelto per l’esposizione un gruppo di marmi recentemente restaurati, tra le quali spicca uno spettacolare gruppo con Eros su biga trainato dai cinghiali, originariamente conservati nella Villa e successivamente nel Museo Torlonia, che permettono di percepire soluzioni decorative e filoni del gusto oggi non più rappresentati dalle collezioni archeologiche di Villa Albani Torlonia e di riflettere sul problema di interpretare e restaurare l’Antico.
 
«Le opere della Collezione Torlonia e di Villa Albani Torlonia sono state da sempre conservate con cura sotto l’egida della Famiglia prima e della Fondazione successivamente, avvalendosi di un selezionato gruppo di restauratori e tecnici di fiducia e sotto l’alta sorveglianza del Ministero della Cultura, con cui sono stati condivisi i criteri di conduzione dei progetti.» Ricorda Alessandro Poma Murialdo, «Due straordinari complessi artistici destinati a incontrarsi nel corso della storia, preservati con cura sotto l’egida della stessa Famiglia, attraverso una costante e scrupolosa attività. di tutela che la Fondazione ha negli anni proseguito, ottenendo importanti risultati: l’apertura dei Laboratori Torlonia per lo studio e il restauro degli oltre seicento marmi Torlonia e l’innovativo programma di conservazione di Villa Albani Torlonia, che riguarda il complesso architettonico monumentale con le opere delle collezioni antiche e medievali e i giardini storici. Dieci anni sono dunque un primo importante traguardo che vogliamo celebrare dando la possibilità di vedere gratuitamente la selezione di opere scelte dal Professor Gasparri con grande capacità di sintesi della moltitudine che compone la collezione. L’Antiquarium mantiene un legame forte con la città di Roma e consente di valorizzare il quotidiano lavoro che i restauratori compiono per conservare questo patrimonio che è centrale all’impegno che la Fondazione intende portare avanti con progetti a lungo termine».

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio

©FondazioneTorlonia Ph. Agostino Osio