Villa Albani Torlonia ©FondazioneTorlonia Foto Lorenzo De Masi

Villa Albani Torlonia

Villa Albani Torlonia e le sue celebri collezioni, incastonate tra il Casino Nobile e, dalla parte opposta del giardino all’Italiana, l’emiciclo del Kaffeehaus, si sviluppa in una comprensione corale di ambienti, paesaggi e opere d’arte che qui vivono come se possano essere eternamente riscoperte.
Il sogno classicista del cardinale Alessandro Albani (1692-1779), promotore del  crescente movimento neoclassico grazie al 'Cenacolo di Villa Albani' - che includeva talenti del calibro di Giovanni Battista Nolli, Giovanni Battista Piranesi e Johann Joachim Winckelmann – è stato preservato intatto dalla passione per il collezionismo di diverse generazioni della Famiglia Torlonia che acquistò la Villa nel 1866, ampliando la collezione ed i giardini e restaurando la più importante dimora cardinalizia del Settecento, dove nel 1870 fu firmata la resa di Roma dallo Stato Pontificio.